© 2016 All rights reserved Gilda Di Nardo

  • Blogger Social Icon
  • White Google+ Icon
  • Twitter Clean
  • Dott.ssa Di Nardo

November 6, 2019

October 22, 2019

October 16, 2019

June 19, 2019

March 28, 2019

Please reload

Post recenti

I'm busy working on my blog posts. Watch this space!

Please reload

Post in evidenza

Un'ansia incomprensibile...ma anche no

May 5, 2017

Riprendo con questo post quella che nel mio vecchio sito era una consuetudine, l'intervista a vecchi pazienti. Tra un post su argomenti vari e l'altro capiterà quindi di trovarne varie. Quella di oggi è l'intervista a Paolo.

 

Ciao Paolo, puoi dire qualcosa di te e del perchè eri venuto in terapia da me?

 

All'epoca avevo 35 anni, oggi ne ho 40 e son due anni che non sono più un tuo paziente fisso. Che dire... è difficile per me parlarne ma in fin dei conti mi fa piacere, perchè significa che son riuscito ad andare oltre quel periodaccio.  La cosa principale che ricordo è che non ne potevo più, ricordo che avevo dei sintomi che da quanto potevo capire erano di ansia ma non c'era solo quello, iniziavo ad evitare tutti e tutto e più lo facevo più amici e famigliari pur volendo aiutarmi tendevano a sminuire il mio disagio o a esasperarlo andando in ansia a loro volta ...anche perchè io cercavo di non parlarne e non riuscivo a farlo apertamente con nessuno. Così ho deciso che volevo capire meglio e stare meglio. Anche perchè quelli che ho poi saputo chiamarsi tecnicamente "pensieri intrusivi" iniziavano a farmi paura, non li comprendevo affatto e li rifiutavo.

 

 

E' stato un percorso facile? O come lo definiresti?
Rispetto alla situazione in cui ero è stato un percorso obbligato, o mi facevo aiutare o non sapevo davvero come uscirne. Facile? No, ma nemmeno difficile, direi entrambe le cose a seconda dei momenti, sicuramente è stato più facile entrare in psicoterapia che restare nel malessere.
 

Quali sono state le maggiori difficoltà e i fattori facilitanti?

Accettare dei sintomi che non decifravo, capire che ne ero dominato e che tutto era collegato...E poi c'era una parte di me che quasi sperava di essere grave e irrecuperabile, cioè ne ero spaventato, ma almeno se non ci fosse stato nulla da fare avrei potuto lasciarmi andare, ero stanco. Ora mi viene da ridere a dirlo e mi sembra assurdo che stessi messo così. Ma è la verità. E per fortuna oggi ci rido su. Credo che confrontarmi con quel meccanismo del rimuginare continuo sia stata per me la chiave di volta imparare a fermare i pensieri.

 

A distanza di qualche anno dal termine del tuo percorso credi che ciò che hai potuto apprendere durante la psicoterapia ti sia ancora utile?

Certo, non solo ho risolto e compreso quel malessere, ma ho capito che gli ero affezionato, col mio rimuginare continuo non volevo lasciarlo andare  e lo usavo per tenere a distanza gli altri o in altri casi mi ostinavo a volergli far capire quanto stessi male; era anche reclamare giustizia di cose che mi facevano rabbia questo l'ho iniziato a capire solo dopo il primo anno di terapia. Questo è stato fondamentale per me, cercavo di capire i sintomi, non mi bastavano pareri, spiegazioni nulla poteva giustificare quanto stessi male...pazzo non ero ma neppure stavo bene e rimuginavo in continuo su questo; ma se qualcuno mi diceva che non era nulla mi arrabbiavo, se mi dicevano che evidentemente stavo molto male comunque non mi bastava e pnesavo pensavo, cercavo... Cercavo definizioni e poi le fuggivo perchè così potevo evitare di pensare al resto... Bloccavo la mia vita alimentando i miei pensieri.Ma poi assieme a te l'ho capito e oggi come oggi ho capito che quando tendo a divenire troppo ansioso o a rimuginarci troppo devo rivedere qualcosa di quello che mi sta accadendo ...ora non mi va di dire di più, ma tu sai cosa intendo. Comunque ora sto bene, certo a volte penso " e se mi ricapita?" ma so anche che se pure mi ricapitasse come ne sono uscito una volta ne riuscirò.

 

Cosa ti sentiresti di dire a chi sta attraversando un momento simile al tuo di qualche anno fa?

Di non farsi fregare dai propri schemi mentali, dalla paura e dalla rabbia

Mi dai un titolo per quest'intervista, o meglio per il tuo percorso di psicoterapia?

 

Un'ansia incomprensibile...ma anche no!

 

Grazie

Share on Facebook
Share on Twitter
Please reload

Seguici