© 2016 All rights reserved Gilda Di Nardo

  • Blogger Social Icon
  • White Google+ Icon
  • Twitter Clean
  • Dott.ssa Di Nardo

November 6, 2019

October 22, 2019

October 16, 2019

June 19, 2019

March 28, 2019

Please reload

Post recenti

I'm busy working on my blog posts. Watch this space!

Please reload

Post in evidenza

Pensieri ossessivi: quando l'indicibile diventa dicibile

May 23, 2019

"Mi nacque un’ossessione. E l’ossessione diventò poesia".
(Alda Merini)

 

 

 

 

 

 

 

 

Condivido con piacere in questo spazio questi disegni ( dopo aver chiesto l'autorizzazione all'autrice, chiaramente). Li ha realizzati una mia giovane e creativa paziente. Non mi soffermo qui sul lato artistico ( aspetto che non mi compete) e mi limito a dire che soprattutto il primo a me piace molto; al di là di questo ho voluto inserire questi disegni qui per far vedere come  qualcosa che opprime la persona (pensieri ossessivi in questo caso) può essere comunicata in maniera creativa e  come un percorso di psicoterapia  può aiutare la persona a dare una rappresentazione sana e creativa del proprio disturbo. Nello specifico, trovo importantissimo che la giovane donna in questione ( che ha alle spalle un percorso di psicoterapia di circa due anni) non solo abbia realizzato questi disegni per rappresentare i propri pensieri ossessivi e la ricerca di equilibrio, ma abbia anche accettato di condividerli in questo spazio. Ciò che per anni è stato un suo segreto, una dimensione di cui vergognarsi o preoccuparsi e comunque non condivisibile con nessuno, è divenuta invece una dimensione che si può affrontare e addirittura rappresentare e comunicare agli altri. Il suo percorso è stato molto più ampio e complesso della sola produzione di questi disegni  ma credo essi comunichino esattamente il peso e la fatica che  ha dovuto sopportare ( nel primo caso) e l'impegno per la ricerca di un equilibrio ricco, complesso e vitale, che appare ancora abbozzato (secondo disegno) ma oramai pensabile e credibile. Credo che la strada percorsa da questa giovane donna sia importante innanzitutto per lei ma anche per coloro che, come lei, si ritrovano ad attraversare la strada faticosa di un disturbo. Ciò che spesso è indicibile si può e si deve esprimere, raccontare e mettere fuori da sè; quando ciò che è indicibile diviene dicibile si avverte un senso di leggerezza e si procede ancora meglio sulla strada dell'accettazione, della gestione degli aspetti problematici e del raggiungimento di un equilibrio vitale.

 

 

 

 

Share on Facebook
Share on Twitter
Please reload

Seguici